Coronavirus, per ordinanza regionale in Toscana sarà obbligatorio indossare la mascherina

Pubblicato il 7 aprile 2020 • Sanità

A seguito dell’acquisto e della successiva distribuzione delle mascherine protettive da parte di Regione Toscana ai Comuni, il Presidente Enrico Rossi ha firmato l’ordinanza che ne renderà obbligatorio l’utilizzo una volta terminate le operazioni di consegna ai cittadini.

Il Comune di Castlelfranco Piandiscò inizierà da giovedì 9 aprile la consegna presso il domicilio di ciascun nucleo familiare dei dispositivi di protezioni individuali arrivati dalla Regione oltre alle unità precedentemente acquistate. 

L’obbligatorietà di indossare le mascherine sarà graduale: scatterà, nei singoli territori comunali, dal momento in cui il sindaco comunicherà alla Regione che l’ultima mascherina è stata consegnata. Per farlo ai primi cittadini saranno concessi al massimo sette giorni. Le mascherine non saranno obbligatorie per i bambini con meno di sei anni e per chi non le tollera (ma in questo caso sarà necessario un certificato del medico curante).

Il contenuto dell’ordinanza consultabile integralmente dal sito della Regione riporta queste indicazioni:

disposizione dell’utilizzo obbligatorio della mascherina monouso, in spazi chiusi, pubblici e privati aperti al pubblico, in presenza di più persone, oltre che nei mezzi di trasporto pubblico locale, nei servizi non di linea taxi e noleggio con conducente;

disposizione dell’utilizzo obbligatorio della mascherina monouso, in spazi aperti, pubblici o aperti al pubblico, quando, in presenza di più persone, è obbligatorio il mantenimento della distanza sociale;

fermo restando il rispetto del mantenimento delle misure di distanziamento sociale, stabilire che le disposizioni di cui ai punti 1 e 2 non si applicano ai bambini di età inferiore ai sei anni e alle persone che non tollerino l’utilizzo delle mascherine a causa di particolari condizioni psicofisiche attestate da certificazione rilasciata da mmg/pls;

disposizione che i comuni, con consegna ai nuclei familiari, provvedano alla distribuzione delle mascherine fornite dalla Regione Toscana tramite il Sistema regionale di protezione civile, ripartendo il quantitativo assegnato in proporzione al numero degli abitanti.