“Tartufo” - Domenica 1 marzo Cederna, Gravina, e Valerio al Teatro Capodaglio

Pubblicato il 28 febbraio 2020 • Teatro 52020 Castelfranco di sopra AR, Italia

Continua la stagione teatrale del Teatro Wanda Capodaglio a Castelfranco di Sopra. Appuntamento domenica 1 marzo 2020 con “Tartufo”; una commedia divertente e popolare, un classico del teatro molieriano che unisce la satira corrosiva a una profonda riflessione sull’animo umano e sui valori sociali. Un’opera audace e contemporanea che rivela la crisi della società moderna dilaniata tra materialismo senza senso e spiritualità fanatica. Il protagonista, emblema dell’ipocrisia, indossa la maschera della devozione religiosa e della benevolenza per raggirare e tradire il suo sprovveduto e ingenuo benefattore Orgone. Egli, infatti, irrompe in una famiglia borghese benestante, la sconvolge completamente e ne prende il controllo, la castiga e la rivoluziona: ipnotizza il padre, acceca la madre, sposa la figlia, bandisce il figlio, seduce la matrigna. Adesso, dopo trecentocinquanta anni dalla sua prima messa in scena, Tartufo non è più un semplice impostore, bensì un profeta anticonformista che denuncia e combatte un mondo dominato da materialismo, consumismo e amoralità.

“Tartufo” di Molière traduzione Cesare Garboli adattamento e regia Roberto Valerio con Paola De Crescenzo, Massimo Grigò, Elisabetta Piccolomini, Roberta Rosignoli, Luca Tanganelli scene Giorgio Gori costumi Lucia Mariani luci Emiliano Pona suono Alessandro Saviozzi produzione Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale con il sostegno di Mibact e Regione Toscana.